Benvenuti nel Blog del C.S.IN ONLUS

Questo BLOG del C.S.IN. ONLUS, consentirà agli utenti di effettuare delle richieste ai consulenti per le materie di proprio interesse. E' possibile, tramite il tasto paypall, richiedere consulenze specifiche ed a pagamento con l'invio dei pareri direttamente per posta certificata del C.S.IN. ONLUS o per raccomandata A.R. presso il proprio domicilio.

Scrivi commento

Commenti: 11
  • #1

    alessio (martedì, 21 maggio 2013 16:56)

    Vorrei alcune informazioni sul C.S.IN.

  • #2

    Emanuela (giovedì, 15 gennaio 2015 15:13)

    Sono vittima di stalkiing dal 2011 e prima, però ho denunciato nel 2011 per minacce di morte, diffamazione, aggressioni, tentato omicidio.
    Oggi il tentato omicidio, per altro omesso dal pm, ma ha evidenziato solo le minacce verbali, ebbene il soggetto appartenente alla stessa famiglia, è stato assolto, perchè ho avuto la forza di riprendere il fatto. Il pm ha pensato che lo spavento doveva essere superiore della ripresa.
    Peccato che cerco di dimostrarlo in tutti i modi, e hanno fatto finta di niente tutti. Se non ci sono le prove non va, se ci sono bisogna nasconderle.
    Non si possono nascondere ci sono.
    Vi scrivo, perchè le vitttime di stalking sono in aumento e sono tutelati i soli delinquenti.
    EMANUELA

  • #3

    CAROLINA DI RE (martedì, 04 ottobre 2016 11:37)

    HO SCRITTO X OTTENERE UN AIUTO PER AFFIDAMENTO DI MIA FIGLIA DOPO INNUMEREVOLI DENUNCIE FATTE AL MIO EX COMPAGNO ANCHE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA X AGGRESSIONE FISICA QUANDO ERO INCINTA CALUNNIE BUGIE SU DI ME DA PARTE DELLA SUA FAMIGLIA E DI LUI

  • #4

    klement (mercoledì, 01 febbraio 2017 09:31)

    Come non bastassero tutte le demenze sulla pelle dei minori, i servizi sociali accolgono a scatola chiusa le segnalazioni di qualunque pettegolo o mitomane su presunti disagiati (magari Paperon de Paperoni visto a raccogliere giornali nel parco), alla faccia degli art. 11-13 del Codice deontologico che prescrive di non considerare i destinatari come soggetti passivi (anzi direi vittime). I regolamenti comunali stabiliscono chi può chiedere l'intervento oltre l'interessato stesso, di solito parenti e conviventi, mentre il vicino in quanto tale è un estraneo, e spesso almeno nelle metropoli non è neppure detto che conosca. Si potrà aiutare chi non ce la fa con l'affitto purché voglia essere aiutato, ma se uno lo paga e sta in un tugurio sono cavoli suoi e del padrone. Se uno urla si potrà denunciarlo per rumori molesti, non ipotizzare a priori che non stia bene.
    Qualora si pensi il caso sia competenza del Centro Psicosociale, si indirizza lì il segnalante, mentre gli interventi chiesti direttamente dai Servizi Sociali vengono eseguiti pari pari acriticamente.

  • #5

    mariangela (sabato, 25 marzo 2017 14:44)

    aiuto tengono i miei figli in stato bramo di sofferenza e minacciano che se parlo meli fanno più vedere aiuto mamma disperata

  • #6

    Rosaria (giovedì, 15 febbraio 2018 10:31)

    Se qualcuno ha avuto a che fare con giovanna marrazzo assiatente aociale.di sirmione mi chiama al 3407444382?

  • #7

    Maria (martedì, 06 marzo 2018 00:02)

    Ragazze dobbio fare qualcosa x fermare questo abusi da parte degli assistenti sociali sono stata picchiata maltrattata io e le mie figlie dal mio ex compagno (padre Delle bimbe )ho riportato frattura Delle ossa nasali guaribili in 20giorni ho subito pedinamenti minaccia ho chiesto aiuto dopo diverse denuncie è stato arrestato all' inizio sembrava tutto tranquillo ora contro la volontà Delle mie figlie gli assistenti sociali vogliono a tutti i costi che le mie figlie vadano in carcere a trovare il padre suo disperati contattatemi vi prego 3209051133

  • #8

    Karol (mercoledì, 10 aprile 2019 15:47)

    Salve a tutti sono una ragazza di 22 anni ho 4 figli di tenere età avuti con un delinquente tossico dopo 3 mila denuncie sequestro di minore ecc...mi hanno tolto i miei figli per darli a lui e i suoi genitori che si volevano fare carico dei miei figli x i sussidi che percepisco al mese dopo che li ho fatti bloccare hanno ridotto hai miei figli al degrado malattie come sgarbia i servizi sociali da novembre li hanno chiusi in una struttura e nn riesco a vederli ho bisogno di aiuto

  • #9

    franco mangini (sabato, 29 giugno 2019 10:04)

    Buongiorno sono padre di quattro figli che nel lontano 03/01/2011 vengono allontanati con un provvedimento durgenza emesso dal tribunale per minori di (Bari) per segnalazione espressa dai servizi sociali di andria in (via mozart) con a capo Angela Damato responabile dei servizi sociali di andria. Nel 27/12/2010 chiamai il 113 perche la mia compagna aveva busato nel bere e si era creata una situazione di disturbo da parte mia. Voglio precisare che solo in quel episodio la mia compagna si e lasiata trasportare dal quel momento di disturbo.Quindi trasportata co i rispettivi bambini in una casa di accoglienza di andria a trascorso 5 mesi di cui succedevano cose strane detta dalla mia compagna ed ho verificato personalmente tipo una delle tante cose come approprirsi in combulta dei supermercati di zona dei cibi in scadenza o peggio ancora gia scaduti.Quindi il provigionamento giornaliero dei nostri figli avveniva a spese nostre.Senon che il sesto mese lascio la struttura portando i bambini a casa nostra con il consenso dei carabinieri del nucleo operativo di andria.Dopo 23 giorni ricevo una telefonata da ass. Angela Damato che mi avvisava che era stato emesso unaltro prvvedimento dal trbunale di bari per minori con giudice a capo (Anna Maria Depalo) che disponeva i bambini in un convegno(Figli dello divino Zelio)di trani di cui esponsabile a capo (Suor Vittoria Pitolla)il tutto senza la mia copagna.Faccio notare che sono in possesso di prvvedimenti da parte del tribunale di Bari fasificati che ho provveduto a denuziare.Maltrattamenti nella struttra ai bambini scarse igene e di in volta in volta succedevano che i bambini finivano in ospedale con lesioni riportate sul volto che tenevano a nascondere il tutto senon che li accopagnavano in ospedale il giorno dopo laccaduto. Ho con me i referti dellospedale tutto cio si prolunga con tantisimi casi che si susseguono periodicamente oggi 2019 sono trascorsi 8 anni ci tengono ancora sospesi senza motivo. Ho fatto presente la questinne al vice Presidente del Consiglio LUIGI DI MAIO e al PRESIDENTE DELLA REPUBLICA ITALIANA SERGIO MATTARELLA.Chiedo che si faccia luce al piu presto possibile e che tutto cio non rimanga inpunito grazie anticipatamente Franco Mangini.

  • #10

    Elvira Madej (giovedì, 18 luglio 2019 16:36)

    Se qualcuno ha avuto problemi da parte di asiste sociale Giuseppa Anatra di Bastia Umbria fatte mi sapere,sta rovinando la vita della mia figlia ,cerca in tutti modi di collocarla di nuovo da padre che un spazziatore,una persona violenta e imprevedibile.

  • #11

    Lorena Fonseca (sabato, 19 ottobre 2019 13:48)

    Sono disperata aiutatemi! 2 anni fa , dopo vari tentativi di separarmi da mio marito, che mi pregava e piangeva per provare ancora, comunico a lui che è meglio separarsi, dopo un tentativo di 8 mesi circa di vivere sotto lo stesso tetto per il bene dei bambini. Curavo io la casa, i nostri 2 figli, pagavo le spese (asilo,bollette,mangiare,vestiti...) E lavoravo con uno stipendio inferiore al suo di poco più di 200. I suoi parenti e amici riconoscevano la sua mancanza di collaborazione, il suo denigrare me e il mio paese di origine (Brasile) davanti ai figli, offendendo spesso con parole pesanti me,mia madre ,mio fratello..Nati i bambini, mai venuto a una visita, seguito la gravidanza, mi sentivo sola, piano piano le critiche aumentano, in Brasile dice che non verrà mai con me e i bambini, il suo stipendio usava per finire i lavori in casa, e cose in più, piscina,quad....mi rendo conto che ormai è tutto nelle sue mani. In depressione da qualche mese ,iniziai a bere alcol per affrontare la giornata. io gli chiedo la separazione, cerco un avvocato e lui è d accordo. Prima gli dico che vado in Brasile, dopo 9 anni per circa 10 giorni per riprendere un po' di fiato,la psicologa la valutava la mia decisione positivamente. Al rientro dal Brasile mi casa a il mondo addosso, mi aveva denunciato al tribunale dei minori per abuso di alcol, riportando episodi e situazioni non vere! Ero già seguita dallo ami, sapevo che stava diventando un problema il bere. Vengo allontanata da casa, vado in comunità per 1 anno, vedo i bambini 1 ora ogni 15 giorni, poi1 alla settimana. Con i servizi le mie richieste non vengono mai accettate, pessimo rapporto, un avvocato scelto al volo che non ha fatto cose che dopo uscita dalla comunità ho scoperto che erano importanti. Cambio avvocato, depressione aumenta, la speranza di vederli di piu è lontana...Non sono emozionalmente equilibrata per i servizi. Intanto lui chiede la separazione, scopro che i soldi sul suo conto sono spariti,che le spese fatte per la casa non recupero niente, perdo il lavoro....E i miei figli è un pensiero fisso, toglieremo anche gli incontri. Mio marito per paura di perdere la casa e soldi, mi ha portato via i figli. Non ho più forze...Non so dove sbattere la testa...perché farli soffrire, io non mi do pace, li voglio abbracciare, portarli a scuola, giocare, come ho fatto per 6 anni, io da sola...